GLOSSARIO

Antiossidante: agente in grado di ridurre il livello o l’attività di agenti ossidanti.

 

Elettrone spaiato: ogni orbitale disposto intorno al nucleo di un atomo può possedere al massimo due elettroni, evento che corrisponde alla massima stabilità; quando in un orbitale è presente un solo elettrone, quest’ultimo viene detto spaiato e conferisce all’atomo che lo possiede (radicale libero) caratteristiche di reattività. Queste ultime sono legate, appunto, al tentativo di completare “la coppia”.

 

Idroperossido: metabolita reattivo dell’ossigeno, a formula di struttura generale R-OOH, generato nelle cellule dall’ossidazione di una vasta classe di composti organici (glucosidi, amminoacidi, peptidi, proteine, lipidi, acidi nucleici, etc.); come tale, è affidabile  marcatore di danno ossidativo; tuttavia, essendo suscettibile di decomposizione in radicali liberi (alcossili e perossili), ad opera dei metalli di transizione, è anche un temibile amplificatore sistemico del danno ossidativo tissutale.

Lipoperossido: metabolita reattivo dell’ossigeno, a formula di struttura generale L-OOH, generato nelle cellule dall’ossidazione specifica di lipidi (L).

 

Metallo di transizione: metallo appartenente alle serie, interposte  fra il II ed il III gruppo della tabella periodica degli elementi, accomunate dal possedere l’ultimo livello energetico identico, con minime differenze chimiche legate al diverso grado di riempimento degli orbitali dei livelli energetici sottostanti; ne costituiscono esempi il ferro (disponibile nella forma ferrosa, ridotta, Fe2+, e nella forma ferrica, ossidata, Fe3+) ed il rame (disponibile nella forma rameosa, ridotta, Cu+, e nella forma rameica, ossidata, Cu2+) che, in forma libera, scindono gli idroperossidi generando radicali liberi (alcossile e perossile).

 

Omeostasi: capacità di un organismo di adattarsi alle mutevoli condizioni ambientali.

 

Orbitale: area circostante il nucleo di un atomo in un cui si ha una predeterminata, generalmente alta, probabilità di trovare un elettrone.

 

Ossidante: agente chimico in grado di acquistare elettroni o atomi di idrogeno (equivalenti riducenti).

 

Ossidazione: cessione di elettroni o atomi di idrogeno (equivalenti riducenti) da una specie chimica ad un’altra in grado di accettarli.

 

Perossido: metabolica reattivo dell’ossigeno, a formula di struttura generale R-OO-R, generato nelle cellule dall’ossidazione di una vasta classe di composti organici; ne esistono due tipi principali seconda della natura dei radical R-, idroperossido e lipoperossido.

 

Plasmamembrana: sinonimo di membrana cellulare.

 

Radicale alcossile: radicale altamente reattivo centrato sull’ossigeno derivante generalmente dalla decomposizione ferro-catalizzata di un idroperossido.

 

Radicale idrossile: radicale altamente reattivo centrato sull’ossigeno derivante dalla decomposizione ferro-catalizzata del perossido di idrogeno o dalla scissione emolitica dell’acqua per effetto di radiazioni UV o gamma; è uno dei più potenti radicali istolesivi.

 

Radicale libero: atomo o raggruppamento di atomi con uno o più elettroni liberi/spaiati) in uno degli orbitali esterni.

 

Radicale perossile: radicale altamente reattivo centrato sull’ossigeno derivante generalmente dalla decomposizione ferro-catalizzata di un idroperossido.

 

Reactive Oxygen Metabolites: sta per metaboliti reattivi dell’ossigeno, classe di agenti chimici reattivi derivati dalle specie reattive centrate sull’ossigeno; comprendono, tra l’altro, gli idroperossidi.

 

Reactive Oxygen Species: sta per specie reattive dell’ossigeno e comprendono specie sia radicaliche (es. radicale idrossile) che non radicaliche (es. perossidodi idrogeno); alcuni le omologano ai metaboliti reattivi dell’ossigeno.

 

Riducente: agente chimico in grado di cedere elettroni o atomi di idrogeno (equivalenti riducenti).

 

Riduzione: acquisto, da parte di una specie chimica, di elettroni o atomi di idrogeno (equivalenti riducenti) resi disponibili da parte di un’altra specie chimica.

 

Scavenger: antiossidante in grado di inattivare un radicale libero per interazione diretta (il termine deriva dall’inglese e significa “spazzino”)

 

Specie Chimiche Ossidanti o Specie Chimiche Reattive: insieme di specie chimiche reattive in grado di ossidare, cioè di strappare uno o più elettroni o atomi di idrogeno (equivalenti riducenti) ad un determinato substrato organico (es. amminoacidi, lipidi, etc.).

 

Stress ossidativo: condizione patologica dovuta ad uno squilibrio tra produzione ed eliminazione, da parte delle difese antiossidanti, di specie chimiche ossidanti. Costituisce un fattore di rischio emergente per la salute